Le foto sono del 20 giugno e si vede che il nuovo rifugio é un esempio innovativo in grado di coniugare modernità, tradizione, sostenibilità e rispetto del paesaggio. Architetti responsabili sono Sandi Attia e Matteo Scagnol, Modus Architecs, di Bressanone.